NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

La chimica nel caffè può aiutare a prevenire le malattie legate all'obesità

La chimica nel caffè può aiutare a prevenire le malattie legate all'obesitàI ricercatori dell'Università della Georgia hanno scoperto che un composto chimico che si trova di solito nel caffè può aiutare a prevenire alcuni degli effetti dannosi dell'obesità.


In un articolo pubblicato di recente su Pharmaceutical Research, gli scienziati hanno scoperto che l'acido clorogenico (CGA) riduce significativamente la resistenza all'insulina e l'accumulo di grasso nel fegato dei topi che erano stati alimentati con una dieta ricca di grassi.


"Studi precedenti avevano dimostrato che il consumo di caffè può ridurre il rischio di malattie croniche come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari", ha detto Yongjie Ma, associato di ricerca post-dottorato alla Facoltà di Farmacia della UGA e autore principale dello studio. "Il nostro studio espande questa ricerca, cercando i vantaggi associati a questo specifico composto, che si trova in grande abbondanza nel caffè, ma anche in altri tipi di frutta e verdura come mele, pere, pomodori e mirtilli".


Durante gli ultimi 20 anni c'è stato un drastico aumento dell'obesità negli Stati Uniti. Più di un terzo degli adulti e circa il 17 per cento dei bambini sono obesi, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, e il costo medico annuale dell'obesità supera i 147 miliardi di dollari. A parte l'aumento di peso, due effetti collaterali comuni dell'obesità sono l'aumento dell'insulino-resistenza e l'accumulo di grasso nel fegato. Se non trattati, questi disturbi possono portare al diabete e una scarsa funzionalità epatica.


Per testare gli effetti terapeutici del CGA, i ricercatori hanno alimentato un gruppo di topi con una dieta ricca di grassi per 15 settimane, mentre iniettavano loro una soluzione di CGA due volte alla settimana. Essi hanno scoperto che il CGA non solo è efficace nel prevenire l'aumento di peso, ma contribuisce anche a mantenere normali i livelli di zucchero nel sangue e una composizione salutare del fegato.


"Il CGA è un potente antiossidante che riduce l'infiammazione", ha detto Ma, che lavora nel laboratorio del professor Dexi Liu nel dipartimento di scienze farmaceutiche e biomediche. "Molte prove suggeriscono che le malattie connesse con l'obesità sono causate da infiammazione cronica, quindi se fossimo in grado di controllarla, potremmo compensare alcuni degli effetti negativi di un eccessivo aumento di peso".


Ma gli autori sono svelti a sottolineare che il CGA non è una panacea. Una dieta corretta e l'esercizio fisico regolare sono ancora i migliori metodi per ridurre i rischi associati con l'obesità. I topi in questo studio hanno ricevuto una dose elevata di CGA, molto più alta di quella che un essere umano potrebbe assorbire attraverso il consumo normale di caffè o con una dieta ricca di frutta e verdura.


Tuttavia, i ricercatori credono che il CGA possa formare la base di un trattamento per coloro che hanno bisogno di aiuto supplementare. Hanno in programma di condurre ulteriori ricerche per sviluppare una migliore formulazione di CGA specificamente per il consumo umano.


"Non stiamo suggerendo che la gente inizi a bere molto caffè per proteggersi da uno stile di vita non sano", ha detto Ma, che è anche membro di Obesity Initiative della UGA. "Ma noi pensiamo di poter creare un effetto terapeutico utile usando il CGA, per aiutare le persone a rischio di malattie correlate all'obesità, mentre si impegnano in cambiamenti positivi nello stile di vita".

 

 

 

 

 


Fonte: James Hataway in University of Georgia (>English text) - Traduzione di Franco Pellizzari

Riferimenti: Yongjie Ma, Mingming Gao, Dexi Liu. Chlorogenic Acid Improves High Fat Diet-Induced Hepatic Steatosis and Insulin Resistance in Mice. Pharmaceutical Research, 2014; DOI: 10.1007/s11095-014-1526-9

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna, il proprietario di questo sito.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.