I geni ci rendono più o meno inclini al consumo di caffè

I geni ci rendono più o meno inclini al consumo di caffèUno studio nuovo su larga scala ha individuato sei nuove varianti genetiche umane associate al consumo abituale di caffè.


La meta-analisi sull'intero genoma, guidata dai ricercatori della Harvard School of Public Health e del Brigham and Women's Hospital, aiuta a spiegare perché una certa quantità di caffè, o di caffeina, ha effetti diversi su persone diverse e ci dà una base genetica per la ricerca futura atta ad esplorare i legami tra caffè e salute.


"Caffè e caffeina sono collegati a effetti positivi e negativi sulla salute. I nostri risultati potrebbero permettere di identificare i sottogruppi di persone con più probabilità di beneficiare di un aumento o calo nel consumo di caffè, per una salute ottimale", ha detto Marilyn Cornelis, associata di ricerca nel Dipartimento di Nutrizione della Harvard School of Public Health e autrice principale dello studio, pubblicato on line il 7 ottobre 2014 su Molecular Psychiatry.


La genetica è da lungo tempo sospettata di contribuire alle differenze individuali nella risposta al caffè e alla caffeina. Tuttavia era impegnativo individuare le varianti genetiche specifiche.

 


I ricercatori, che fanno parte del «Coffee and Caffeine Genetics Consortium», hanno condotto una meta-analisi sull'intero genoma di oltre 120.000 bevitori regolari di caffè di ascendenza europea e afro-americana.


Essi hanno identificato due varianti associate a geni coinvolti nel metabolismo della caffeina, POR e ABCG2 (gli altri due, AHR e CYP1A2 erano stati identificati in precedenza).


Due varianti sono state identificate nei pressi dei geni BDNF e SLC6A4, che influenzano potenzialmente gli effetti gratificanti della caffeina. Altri due (vicino a GCKR e MLXIPL), coinvolti nel metabolismo del glucosio e dei lipidi, non erano stati in precedenza legati al metabolismo o agli effetti neurologici del caffè.


I risultati suggeriscono che le persone modulano naturalmente l'assunzione di caffè per sperimentare gli effetti ottimali esercitati dalla caffeina, e che i fattori genetici più forti legati a una maggiore assunzione di caffè probabilmente agiscono aumentando direttamente il metabolismo della caffeina.


"I nuovi geni candidati non sono quelli su cui ci siamo concentrati nel passato, quindi questo è un importante passo in avanti nella ricerca sul caffè", ha detto Cornelis.


"Come le precedenti analisi genetiche sul fumo e sul consumo di alcol, questa ricerca è un esempio di come la genetica può influenzare alcuni tipi di comportamento abituale", ha detto Daniel Chasman, professore associato del Brigham and Women Hospital e autore senior dello studio.

 

 

 

 

 


Fonte: Harvard School of Public Health  (>English text) - Traduzione di Franco Pellizzari

Riferimenti:  M C Cornelis, D I Chasman et al. Genome-wide meta-analysis identifies six novel loci associated with habitual coffee consumption. Molecular Psychiatry, 2014; DOI: 10.1038/mp.2014.107

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna, il proprietario di questo sito.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Usiamo cookie

Sul nostro sito Web usiamo solo cookie 'tecnici' utili per il suo funzionamento, non usiamo cookie di tracciamento.

Se decidi di non consentirne l'uso, potresti non riuscire a usufruire di tutte le funzionalità del sito.