NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Come trovare i cibi migliori a Parigi

A selection for tasting at the cheese shop AndrouetLe strade di Parigi sono piene di pasticcerie artigiane e negozi di formaggi, panettieri, macellai che vendono le proprie terrine e paté, mercatini, cioccolaterie ...

La lista sembra non avere fine e, a parte i più famosi negozi artigianali o un giro nella sala Gourmet di Galeries Lafayette, è difficile scegliere quali visitare, ma Alisa Morov lo sa.

 
Pasticcera americana, autrice di libri di cucina, insegnante di cucina e residente da 10 anni nella Città della Luce, la Morov ha l'occhio e le papille gustative di un professionista, opinioni forti e grande entusiasmo per girare i buongustai in giro nei suoi luoghi preferiti e/o insegna loro a cucinare. Si adatta alla tua area di curiosità, abbraccia vari quartieri o si ferma in uno a fa un piano per te se non sai deciderti. E oltre alla sua naturale esuberanza, il suo commento ironico sulla scena è da sola una ragione per continuare.


Ci siamo incontrati a La Bonaparte, in fondo alla strada da Les Deux Magots, a Saint Germain des Pres ("i locali vanno qui, i turisti vanno a Deux Magots", come ha spiegato) e ha tracciato un piano. Il primo giorno, con solo due ore a disposizione, ci siamo concentrati nel 6°, camminato sul 7° e cominciato la storia del cioccolato in un negozio originale con pannelli di legno dell'ottavo secolo, Debauve & Gallais, famoso per le Pistoles de Marie Antoinette, dischi di cioccolato sviluppati dal fondatore Sulpice Debauve, il chimico della famiglia reale, per aiutare la regina a prendere i suoi farmaci circondati da cioccolato.

 

Crustaceans on display at a fish market alongside Marche d'Aligre

Poi, in rapida successione: la piccola enoteca da vecchio mondo Ryst Dupeyron, che vende, tra gli altri vini, 80 annate diverse di Armagnac che risalgono al 1868, una selezione di pregiati formaggi-Coulommiers, roquefort e Comte di 36 mesi da Androuet, messo su un tavolo per lei al di fuori sul marciapiede, con grande divertimento / invidia di coloro che passavano, accompagnato da una croccante baguette di Eric Kayser dall'altra parte della strada, contrapposta ad una "baguette inferiore", che ha portato con sé per il confronto.

Abbiamo sbirciato nella Maison Guyard, uno dei suoi preferiti per i salumi, pochi giorni dopo la riapertura dalle ferie di Agosto, ed é entrata alla Patisserie des Reves, una confezione pastello di un negozio di pasticceria proprio mentre stava chiudendo la sera, le cupole di vetro che di solito mostrano pasticceria artistica. Ma hanno tenuto per lei il loro ultimo Paris-Brest, il classico pasticcino choux ripieno di crema pralina, perché sapevano che stava arrivando - e siamo andati in un parco giochi vicino per mangiarlo. Delicato ma densamente aromatizzato, era perfetto.

 

A whimsical pastry in a shop selling Algerian products alongside Marche d'AligreIl giorno dopo, Domenica, ci siamo incontrati al Marche d'Aligre, una mercato vivace giornaliero (escluso il Lunedi) dietro la Bastiglia, che mescola cibi francesi e del Nord Africa, bancarelle all'aperto con un mercato coperto e negozi di alimentari che vendono pesce, formaggio, pane, prodotti artigianali provenienti dall'Algeria, dalla Corsica, ecc.. Ma prima abbiamo avuto bisogno di una brioche gigante dalla panetteria Le Pain au Naturel all'inizio del mercato. Alisa ha evidenziato la parte meno costosa del mercato di frutta e verdura con prodotti ottenuti dal mercato generale all'ingrosso, rispetto alla sezione dei produttori artigiani dall'altra parte della corsia, una zona profumata di dolci meloni e pomodori. E poi ha iniziato a fare acquisti, raccogliendo i prodotti per fare il pranzo per le sue due figlie e se stessa. Volevo andare avanti e fare il corso di cucina che spesso combina con visite al mercato, di solito un'altro più vicino a casa sua. Non ho potuto farlo questa volta. Ma la prossima volta di sicuro.

 

 

Fonte: Forbes.com