NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Notizie dal mondo della pasticceria

Il consumo regolare di caffeina non provoca battiti cardiaci extra



Il consumo regolare di caffeina non aumenta il battito cardiacoContrariamente a quanto si crede nell'ambiente clinico, il consumo regolare di caffeina non comporta battiti cardiaci extra, che, pur comuni, possono portare in rari casi a morbilità e mortalità legate al cuore o all'ictus, secondo i ricercatori della University of California di San Francisco.


Lo studio, che ha misurato il consumo cronico di prodotti contenenti caffeina per 12 mesi (non il consumo acuto), è apparso sul Journal of American Heart Association. È la ricerca più grande eseguita fino ad oggi a valutare le abitudini alimentari in relazione ai battiti cardiaci extra.


"Dovemmo riconsiderare le raccomandazioni cliniche che mettono in guardia dal consumo regolare di prodotti contenenti caffeina per prevenire i disturbi del ritmo cardiaco, poichè potremmo scoraggiare inutilmente il consumo di elementi come il cioccolato, il caffè e il tè, che potrebbero in realtà avere benefici cardiovascolari", ha detto l'autore senior Gregory Marcus MD/MAS, cardiologo della UCSF e direttore della ricerca clinica e della Divisione di Cardiologia della UCSF. "Dato il nostro recente lavoro che dimostra che i battiti cardiaci aggiuntivi possono essere pericolosi, questo risultato è particolarmente rilevante".

 

Linee guida basate su studi vecchi di decenni

Le eccessive contrazioni atriali premature (PAC) hanno dimostrato di provocare fibrillazione atriale, ictus e morte, mentre le eccessive contrazioni ventricolari premature (PVC) hanno dimostrato di provocare un aumento della insufficienza cardiaca, di coronaropatie e di morte. Entrambe le anomalie sono state collegate al consumo di caffeina da studi e sperimentazioni, ma questi studi sono stati eseguiti diversi decenni fa e non usavano PAC e PVC come esito primario.


Ciò nonostante le linee guida dell'American College of Cardiology / American Heart Association, per la gestione dello stato PVC dicono che, se la storia del paziente è coerente con battiti prematuri extra, dovrebbero essere eliminati i fattori esacerbanti potenziali come la caffeina, l'alcol e la nicotina. Altre risorse mediche on-line per i medici offrono raccomandazioni simili.


Un'evidenza recente e crescente, indica i potenziali benefici cardiovascolari di diversi prodotti comuni contenenti caffeina, come caffè, cioccolata e tè. Il risultato è l'incertezza clinica nel consigliare ai pazienti il consumo di questi prodotti, e i pazienti riducono la loro assunzione per evitare problemi cardiaci presunti.

 

Popolazione campione basata sulla comunità

Nel loro studio, Marcus e i suoi colleghi hanno analizzato 1.388 partecipanti selezionati in modo casuale dal database con quasi 6.000 pazienti del Cardiovascular Health Study del National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), esclusi quelli con battiti cardiaci extra persistenti. Ne hanno valutate la frequenza alimentare di base e li hanno monitorati in ambulatorio con elettrocardiografia per 24 ore al giorno. Le frequenze di consumo abituale di caffè, tè e cioccolato sono state determinate attraverso un questionario.


Del totale dei partecipanti, 840 (61 per cento) consumavano più di un prodotto con caffeina al giorno. I ricercatori hanno trovato differenze nel numero di PAC o PVC all'ora nei diversi livelli di consumo di caffè, tè e cioccolato. Il consumo più frequente di questi prodotti non è stato associato a battiti cardiaci extra.


"Questo era il primo campione basato sulla comunità ad esaminare l'impatto della caffeina sui battiti cardiaci extra, visto che gli studi precedenti avevano esaminato persone con aritmie note", ha detto l'autore Shalini Dixit BA, studente di medicina del quarto anno della UCSF. "Per determinare se il consumo acuto di questi prodotti contenenti caffeina influenza i battiti cardiaci extra c'è bisogno di ulteriori studi".

 

 

 


Fonte: Scott Maier in University of California - San Francisco (>English text) - Traduzione di Franco Pellizzari

Riferimenti: Shalini Dixit, Phyllis K. Stein, Thomas A. Dewland, Jonathan W. Dukes, Eric Vittinghoff, Susan R. Heckbert, Gregory M. Marcus. Consumption of Caffeinated Products and Cardiac Ectopy. Journal of the American Heart Association, 2016; 5 (1): e002503 DOI: 10.1161/JAHA.115.002503

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna, il proprietario di questo sito.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.